Pagine

venerdì 25 novembre 2011

Lotus Flower

La fotografia ha colmato in me quel vuoto tra il non saper spiegare 
e la voglia di stare in silenzio.

Walter Valentini

lunedì 10 ottobre 2011

SelfSpleenPortrait

si tratta di un autoscatto delle 18:49 circa del 9 Ottobre 2011 - trattasi dei primi freddi, dell'inverno che fa capolino e di quel leggero spleen che torna, ormai per il secondo anno ad avvolgermi come una seconda pelle. Non c'entra la ormai prossima disoccupazione dal lavoro bensì un vuoto incolmabile che credo non valga più la pena aspettar che si riempia. Qualche bella canzone, però, mi farà cambiare idea.

lunedì 3 ottobre 2011

Ho aperto un occhio al giorno

Ho aperto un occhio al giorno - Autoritratti

Non si sa mai,
se un giorno dovessi soffrire veramente voglio prepararmi sin da adesso a chiudere un occhio al giorno,
a raggiungere pian piano la serenità per poter evitare di parlare improvvisando la sufficienza di un ragazzo di 23 anni.
Muoverò un pò la bocca nel tempo prossimo, per respirare soltanto.
In un rapporto siamo sempre due o più cervelli purtroppo.

O per misericordia.

Ciao mondo ciao.

domenica 28 agosto 2011

sabato 27 agosto 2011



Stasera ero con Mattia e Keeho.
TURBINAVA - foto ed elaborazione di Walter Valentini







































e non ci riesce a andare
l'acqua del water nei film americani
turbina
e sembra
cristallina
macchè!!
ma smettila
sono cose già viste
una pallina da ping pong
ruzzola per una discesa
si infila
dritta
in un bicchiere di starbucks
lo prende un naturista
la pallina è arancione
caso vuole che inciampa
la pallina
rimane attaccata
al fondo
fondo
del bicchiere
si rialza il naturista
la appoggia su un muro
il giorno dopo
passa un uragano
, siamo negli states,
il bicchiere vola insieme ai tetti delle case di cartone
, case belle americane
, ma di cartone,
finisce
a 29 kilometri di distanza
li dopo 5 giorni
obama
va a fare il cordoglio
sotto i riflettori
raccoglie simbolicamente
il bicchiere
la pallina non c'è più
aveva già risalito la salita
ed era pronta per il match point.

giovedì 25 agosto 2011

Bologna - Agosto 2011


  • Questa estate
  • stenta a morire
  • e con la sua decisione
  • ,la natura,
  • sacrifica il canto dei
  • grilli
  • al freddo vivere delle pietre




    hai detto tutto.
    nessuno sa cosa vuole fare, soprattutto nessuno "deve" voler fare qualcosa della sua vita. viviamo in morte, ci mangia. dobbiamo soltanto lasciare un segno e lasciarci segnare dal mondo. Almeno questo è quello che credo io. qualcosa in 21 o 23 anni che siano lo abbiamo fatto, abbiamo parlato cazzo.
    Parlare con uno, cento, mille forse diecimila esseri come noi. e non è poco . e certe immagini non sbiadiscono.
    come alla stazione d'Agosto.

    foto e testo di Walter Valentini

venerdì 6 maggio 2011

Dove vivo è dove odio - 6.05.2011


Fotografia : Walter Valentini

Non riuscivo a trovare un equilibrio, barcollavo molto, dal risveglio al primo sonno.
Poi finalmente mi sono seduto ed ho sentito, ho imparato, che l'equilibrio è tanto inutile quanto pericoloso.
Dobbiamo sbatacchiare il nostro cervello, frullare i nostri sentimenti, controllare le nostre sensazioni.
Necessito di innamorarmi, adesso.

Dove vivo è dove odio.
Dove penso è dove amo e non sono.
Il gorgoglìo delle vene sotto ai piedi mi ricorda quando
ancora non sapevo baciare i vasi dei fiori.
Timido uomo allergico ai cocci frantumati.

Sento che la fine, o l'inizio che sia,
oramai è un circuito,
mi sta prendendo alle spalle.

Walter Valentini